Salta al contenuto principale

Qualcosa su Pale

Descrizione

Prima falesia di arrampicata sportiva dell’Umbria, Pale vede la luce nel 1980 ad opera di alcuni climbers folignati, tra cui Sergio Brun, vero artefice della nascita e dello sviluppo della falesia ed Americo Innocenzi. Aperta dal basso con l’utilizzo di chiodi, è stata recentemente rispettata con materiali nuovi ed inox; E’ una falesia ubicata in un contesto storico – naturalistico pregevole, in quanto collocata lungo la Valle del Menotre, a pochi km da Foligno,  circondata da uliveti e lecci anche secolari e “vegliata” dall’alto dall’Eremo di S. Maria Giacobbe, di origine trecentesca, che al suo interno presenta affreschi del XV secolo. Dai settori più alti la visuale spazia al sottostante paese di Belfiore e alla città di Foligno, crocevia di commerci già in epoca romana, alla media Valle del Menotre, alle cascate dell’Altolina, che con il loro flusso costante hanno permesso, lungo i secoli, lo sviluppo di una notevole attività di opifici e cartiere (la prima stampa della Divina Commedia di Numeister fu eseguita a Foligno).


 

La falesia si presenta divisa in più settori ed è esposta prevalentemente a sud; questo comporta che nelle giornate estive l’arrampicata è possibile solo nelle ore più fresche oppure dopo le 17 nei settori in alto. D’inverno il clima è gradevole ma bisogna evitare le giornate con vento da est o nord est. Il periodo ideale sono sicuramente le mezze stagioni.

L’arrampicata è prevalentemente di placca, su calcare massiccio con ottima aderenza e richiede tecnica di movimento e resistenza. In alcuni settori sono presenti vie a gocce, a volte dolorose.  Le vie sono lunghe mediamente 20 metri. Pochi gli strapiombi ma non mancano vie dure “di dita”.

La falesia è adatta alle famiglie, ricordandosi comunque che è ubicata in un contesto naturale semi-antropizzato.



Accesso Stradale

DA PERUGIA:

SS 75 fino a FOLIGNO. Immettersi sulla SS3 Flaminia.  Prendere l’uscita per MACERATA, e continuare dritto seguendo le indicazioni per Pale (ignorando le successive indicazioni per Macerata). Continuare per circa 10 km, fino al bivio per PALE, a sinistra. Svoltare e girare intorno alla vecchia cartiera Sordini, poi svoltare a destra verso le mura del paese e parcheggiare alla base delle stesse o in Piazza del Castello, poco più avanti.

DA MACERATA:

Prendere la nuova SS77 (variante). Uscire a Colfiorito. Entrare nel paese, immettendosi sulla vecchia SS77 e proseguire in direzione FOLIGNO per circa 13 KM; al bivio di PALE svoltare e girare intorno alla vecchia cartiera Sordini, poi svoltare a destra verso le mura del paese e parcheggiare alla base delle stesse o in Piazza del Castello, poco più avanti.

DA FANO:

SS 3 Flaminia fino a FOLIGNO.  Prendere l’uscita per MACERATA, e continuare dritto seguendo le indicazioni per Pale (ignorando le successive indicazioni per Macerata). Continuare per circa 10 km, fino al bivio per PALE, a sinistra. Svoltare e girare intorno alla vecchia cartiera Sordini, poi svoltare a destra verso le mura del paese e parcheggiare alla base delle stesse o in Piazza del Castello, poco più avanti.

DA ROMA:

A 1 direzione FIRENZE fino ad ORTE, dove si esce; immettersi sulla SS 675 fino a TERNI e quindi SS 3 fino a FOLIGNO. Prendere l’uscita per MACERATA, e continuare dritto seguendo le indicazioni per Pale (ignorando le successive indicazioni per Macerata). Continuare per circa 10 km, fino al bivio per PALE, a sinistra. Svoltare e girare intorno alla vecchia cartiera Sordini, poi svoltare a destra verso le mura del paese e parcheggiare alla base delle stesse o in Piazza del Castello, poco più avanti.

DA ASCOLI:

SS 4 Salaria fino ad ARQUATA DEL TRONTO, quindi seguire le indicazioni per NORCIA ed immettersi sulla SS 395. A Norcia proseguire sulla medesima SS in direzione SPOLETO, fino al paese di BORGO CERRETO. Da qui, girare a destra sulla SS 319 (indicazioni per SELLANO) e proseguire fino a CASENOVE. Immettersi sulla SS 77 seguendo le indicazioni per FOLIGNO fino al bivio per PALE. Svoltare e girare intorno alla vecchia cartiera Sordini, poi svoltare a destra verso le mura del paese e parcheggiare alla base delle stesse o in Piazza del Castello, poco più avanti.